Home News Heartbleed: è allarme Android!

Heartbleed: è allarme Android!

-

Tempo di lettura: 1 minuto

Le app mobile sono state colpite da Heartbleed. Ad annunciarlo è Trend Micro che ha rilevato come Android 4.1.1 sia stato infettato direttamente. Per i dispositivi che utilizzano questo sistema operativo, tutte le app installate con OpenSSL, che viene utilizzato per stabilire le connessioni SSL/TLS, sono possibilmente nocive e possono essere compromesse per ottenere informazioni sensibili dei proprietari all’interno del device.

In ogni caso, anche se il dispositivo non utilizza il sistema operativo compromesso, rimane il problema delle app. In Google Play sono 273 le app collegate alle libreria OpenSSL colpita, il che vuol dire che quelle app possono essere compromesse in qualsiasi dispositivo. E vulnerabilità sono state trovate anche nelle versioni più vecchie delle app Google.

A oggi i laboratori Trend Micro hanno trovato oltre 7.000 app connesse ai server colpiti da Heartbleed. Sono 6.000 invece le app ancora infette.

Heartbleed

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    I cinque elementi chiave del Digital trust

    Rischio, sicurezza, conformità, etica e responsabilità sociale, privacy: la nuova piramide della sicurezza
    San Marco: nuovo marketplace con Storeden e Afone

    San Marco: nuovo marketplace con Storeden e Afone Participations

    Ecommerce personalizzato in cloud, sincronizzato con i migliori marketplace con transazioni rapide e sicure
    Conad Nord Ovest: efficienza e sostenibilità con IBM e Var Group

    Conad Nord Ovest: efficienza e sostenibilità con IBM e Var Group

    Obiettivo: rendere più efficaci i processi di comunicazione e abilitare lo smart working
    Interplanetary Storm: la botnet affittata come rete proxy

    Interplanetary Storm: la botnet affittata come rete proxy

    9000 dispositivi coinvolti in 94 Paesi, tra cui l’Italia. Colpisce anche sistemi operativi Android e Linux
    TIM protagonista dell'ultima tappa del Giro d'Italia

    TIM protagonista dell’ultima tappa del Giro d’Italia

    Presso l'Open Village di Piazza Castello uno spazio multimediale per seguire la tappa a cronometro