Spendendo 100 milioni di dollari, le principali banche inglesi riceveranno supporto al sistema operativo ancora per tre anni.

Come ormai noto, Windows XP non sarà più supportato da Microsoft a partire dal prossimo 8 aprile. I computer che non verranno aggiornati con le versioni più recenti del sistema operativo Microsoft o con le soluzioni open source rischieranno di essere più facilmente violate dai cyber criminali. Esposte maggiormente alle minacce sono le banche: in tutto il mondo sono infatti istallati 2,2 milioni di Automated Teller Machine (ATM) , il 95% dei quali muniti proprio di XP. Secondo alcune previsioni e, nonostante Microsoft abbia avvisato gli istituti bancari già nel 2007 della propria volontà di terminare il supporto a WIndws XP, solo un terzo degli ATM verrà aggiornato entro l’8 Aprile.

Per evitare quindi seri problemi di sicurezza agli utenti, diversi istituti hanno sottoscritto accordi con Microsoft per ottenere l’estensione del supporto tecnico. Le cifre in ballo sono molto alte: i cinque maggiori istituti del Regno Unito (Lloyds Banking Group, Royal Bank of Scotland, HSBC, Barclays e Santander UK) avrebbero speso una cifra di circa 100 milioni di dollari per ottenere supporto ai loro 26.000 ATM per altri 3 anni. Entro quella data verrà così completato l’upgrade a Windows 7.