Home News Google multata per la gestione dei dati personali

Google multata per la gestione dei dati personali

-

Tempo di lettura: 1 minuto

Google non ha rispettato le linee guida sulla protezione dei dati personali vigenti in Francia. Per questo motivo il Cnil, garante della privacy francese, ha inflitto al colosso di Mountain View una multa da 150 mila euro, la cifra massima prevista per questa violazione.

Per rendere più semplice e agevole per Google la raccolta e l’elaborazione dei dati da fornire alle imprese per messaggi pubblicitari mirati, l’azienda statunitense ha la facoltà di tenere sotto controllo le attività degli utenti. Fino a qui, tutto bene. Se non fosse per il fatto che il Cnil aveva chiesto nei mesi scorsi a Google di informare i navigatori francesi sull’utilizzo dei loro dati personali.
Data la conclusione della vicenda è facilmente intuibile che le richieste del garante non sono state soddisfatte. Dal canto suo Google sostiene di aver sempre rispettato le normative europee per quanto concerne il tema privacy. Ad ogni modo la sanzione è stata data, e il colpo inflitto all’immagine del colosso verrà sicuramente accusato: il tema “riservatezza dei dati” sta vivendo il suo momento più caldo negli ultimi tempi.

  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    HORIZON 2020: Kaspersky presenta CitySCAPE

    HORIZON 2020: Kaspersky presenta CitySCAPE

    I due progetti pilota per la protezione dell’ecosistema dei trasporti multimodali a Genova e Tallinn
    Numeri record per la PEC: attive 11.5 milioni di caselle

    Numeri record per la PEC: attive 11.5 milioni di caselle

    Sempre più utenti hanno compreso che PEC e firma digitale sono strumenti semplici, utili ed economici
    smart working

    Smart working: NFON sostiene le imprese italiane

    Le soluzioni dell'azienda tedesca sono cloud ready, facilmente scalabili e adatte a qualunque tipologia di azienda
    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    Codici QR sempre più popolari: imprese e utenti finali a rischio

    La maggioranza degli intervistati non possiede device protetti dalle minacce e non possiede un software di sicurezza
    Settore bancario britannico: agile anche sotto pressione

    Settore bancario britannico: agile anche sotto pressione

    Il 78% degli intervistati si è detto sorpreso di quanto bene la propria istituzione abbia saputo rispondere alla crisi