Avviato il progetto da 12 milioni di Euro. Obbiettivo: creare opportunità di lavoro e creare una piattaforma cloud per il Distretto Produttivo

trulli_puglia

È partito il progetto Puglia Digitale 2.0 che, con il nuovo investimento di 12 milioni di euro, permetterà di  offrire opportunità di lavoro a tanti giovani specialisti provenienti dalle Università e dagli istituti superiori pugliesi. È prevista anche l’assunzione di 30 nuove unità lavorative. L’iniziativa è opera di 7 imprese pugliesi tra le quali Exprivia che, come capofila, investirà più della metà della somma  pattuita. Queste imprese (CLE,  Gei  Inform,  Links  Management  and  Technology,  Omnitech, Openwork, Parsec32) potranno poi ricevere in un secondo momento un contributo pubblico complessivo fino ad un massimo di 5,4 milioni di Euro.

Il  progetto inoltre  rafforzerà  e  valorizzerà  il  comparto  delle  aziende  aderenti  al  Distretto  Produttivo dell’Informatica della Puglia, attraverso la realizzazione della prima  piattaforma cloud di “servizi digitali” realizzati  sia  dai  proponenti  sia  da  tutte  le  imprese  esterne  al  progetto,  che  vorranno  adottare  la piattaforma per veicolare in modo totalmente innovativo i propri prodotti.

L’obiettivo  ambizioso è  di  creare e  sperimentare  un processo  virtuoso  nel  quale  componenti  software  di imprese  diverse  siano  resi  interoperabili  per  offrire  servizi  nuovi  per  nuovi  clienti.  La  sfida  è  adottare  il cambiamento tecnologico per promuovere il cambiamento dei business model, e ampliare l’offerta in un ambito internazionale che richiede servizi SaaS.

Il progetto di Exprivia”, ha commentato l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Loredana Capone, “è in linea con quell’idea di Smart Puglia per la quale stiamo lavorando in previsione della prossima programmazione  dei  fondi  strutturali.  Noi  vogliamo  una  Puglia  nella  quale  la  vita  dei  cittadini,  giovani, adulti, anziani,  bambini, disabili, sia più semplice. Il compito della tecnologia è propri o questo: semplificare ciò che è complicato. Il progetto di Exprivia va proprio in questa direzione. Per noi, vedere che imprese della Puglia  stanno  investendo  nelle nuove  tecnologie  con programmi  così  “smart”,  intelligenti,  è  un  motivo di soddisfazione e di orgoglio. Ci fa piacere aver contribuito con un nostro incentivo alla realizzazione di essi”.