Home News Trinity Mirror: efficienza formativa con Docebo

Trinity Mirror: efficienza formativa con Docebo

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Trinity Mirror, il più grande gruppo editoriale inglese, autore tra gli altri del Daily Mirror, Sunday Mirror e People, aveva la necessità di fornire programmi di formazione personalizzati e di alta qualità ai suoi 5.000 dipendenti, dislocati in più di 60 sedi in tutto il paese, attraverso l’implementazione di una piattaforma comune. Obiettivo era in particolare erogare formazione online con un sistema tecnologicamente avanzato al personale di ogni livello e business unit, indipendentemente dal browser, sistema operativo, o dispositivo hardware utilizzato. In più il Trinity Mirror voleva consentire ai nuovi assunti l’accesso a programmi di tirocinio ancor prima del loro effettivo ingresso in Azienda, così da aiutarli a familiarizzare coi processi aziendali standard, nonché monitorare e tracciare i progressi e i risultati di queste lezioni.

Per tale ragione, da gennaio 2013, la società inglese si è affidata alla piattaforma Docebo Learning Management System, dimostrando che questa è facilmente integrabile con la tecnologia in uso e pienamente compatibile sia con Mac che Windows e con web browser quali Chrome e Safari. Grazie all’infrastruttura cloud i dipendenti possono così accedere alla formazione da qualsiasi luogo, tramite una postazione connessa ad Internet, ed utilizzando qualsiasi genere di dispositivo.

Trinity Mirror è inoltre in grado di monitorare l’accesso ai corsi e le interazioni a livello di singolo utente/dipendente. Le decisioni in merito ai percorsi formativi da assegnare, ai corsi  da erogare, vengono prese più puntualmente risultando essere, al contempo, maggiormente efficaci. La piattaforma Docebo fornisce infatti un riscontro diretto circa i format più adatti, i contenuti che hanno funzionato meglio e permette di verificare quali Business unit hanno maggiormente utilizzato l’LMS. Inoltre le chiamate all’Help desk sono diminuite drasticamente.

Tra gli altri elementi positivi riscontrati da Trinity Mirror  a seguito dell’adozione della piattaforma Docebo si segnalano le sostanziali differenze esposte nei feedback espressi dai dipendenti confrontando i moduli classici di lezioni e quelli più recenti e innovativi. In particolare i commenti lato utente in merito alla piattaforma E-Learning Docebo sono stati entusiastici: visivamente piacevole, è dotata di una opzione catalogo corsi incredibilmente intuitiva, che permette una visualizzazione semplificata dell’intero ambiente.

 

 

 

Redazione BitMAThttps://www.bitmat.it/
BitMAT Edizioni è una casa editrice che ha sede a Milano con una copertura a 360° per quanto riguarda la comunicazione rivolta agli specialisti dell'lnformation & Communication Technology.
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Smart Working Village: l'evento per conoscere il futuro del lavoro

    Smart Working Village: l’evento per conoscere il futuro del lavoro

    Esperti, professionisti, ambienti di networking per arricchire la conoscenza del mondo del lavoro
    La chiave per superare la crisi? Per 8 imprese su 10 è la formazione

    La chiave per superare la crisi? Per 8 imprese su 10 è la formazione

    Per il 2021 si privilegerà un approccio blended con un crescente mix di modalità per potenziare soprattutto le soft skill
    Jesper Trolle CEO EXN

    Jesper Trolle è il nuovo CEO di Exclusive Networks

    Il nuovo CEO, che subentra con effetto immediato al fondatore Olivier Breittmayer, guiderà l’azienda verso una nuova fase di crescita
    Maxi Di sceglie le soluzioni SaaS di Blue Yonder

    Maxi Di sceglie le soluzioni SaaS di Blue Yonder

    Il passaggio a un percorso digitale permetterà di migliorare i servizi per rete distributiva e clienti
    L'impegno di Google per la sostenibilità ambientale

    L’impegno di Google per la sostenibilità ambientale

    La prima grande azienda tecnologica che si impegna a operare 24 ore su 24 senza emissioni di carbonio entro il 2030