SIRMI ha stimato un calo del 5,1%nel terzo trimestre del 2013

ict

Nel terzo trimestre 2013 il mercato ICT accelera il suo andamento decrescente rispetto all’analogo trimestre dello scorso anno, con un calo percentuale di oltre il 5%. È questo quanto emerso dallo studio SIRMI sull’andamento del mercato italiano della Digital Technology, il cui volume totale di Spesa End User raggiunge a fine settembre un valore di circa 12,8 miliardi di euro.

Le prospettive non sono comunque positive: sulla base dei dati previsionali infatti l’anno in corso dovrebbe concludersi con un decremento in linea con quello del trimestre sotto analisi.

Sirmi 1

Nel terzo trimestre del 2013 il trend negativo investe tutte le componenti del mercato rappresentato e mostra un calo complessivo del -5,1%, in forte peggioramento rispetto allo stesso periodo del 2012, quando la diminuzione era stata del -2,8% sull’anno prima.
All’interno del mercato IT, la componente Hardware registra una flessione maggiore (-5,2%) rispetto a quella Software (-3,4%); nell’ambito dei Servizi invece più penalizzati sono quelli di sviluppo rispetto a quelli di gestione.

L’analisi del Mercato TLC evidenzia un terzo trimestre 2013 in calo del -5,3% rispetto al pari trimestre del 2012, dove maggiormente penalizzata è la componente mobile (-6,3%) rispetto alla componente fissa (-3,8%). Questo dato conferma il trend che si è innescato all’inizio dell’anno in corso, ovvero un’inversione di tendenza rispetto agli anni passati, quando la componente mobile soffriva molto meno rispetto a quella fissa.

In attesa dei risultati del quarto trimestre, che per diverse ragioni (chiusure dei budget, maggiori vendite legate al periodo natalizio, dismissioni di fine anno, ecc…) rappresenta il trimestre più significativo dell’anno, SIRMI anticipa alcuni dati previsionali sull’intero anno 2013.

Per il 2013, come riassunto nella tabella seguente, SIRMI non intravede alcun segnale concreto che possa portare ad un sostanziale miglioramento: la chiusura di fine anno è infatti prevista in calo del -4,9% rispetto al 2012, quando il calo sul 2011 si attestava al -3,5%.

Sirmi 2