Home News Assintel Report: non è più il tempo del dire ma quello del...

Assintel Report: non è più il tempo del dire ma quello del fare

-

Tempo di lettura: 2 minuti

Situazioni di ottimismo non se ne vedono” è con queste parole che Giorgio Rapari, presidente Assintel, ha aperto l’ Assintel Report, evento dedicato al mondo ICT e giunto ormai alla sua ottava edizione.  “Le promesse della politica – ha poi aggiunto Rapari – sono ormai miraggi dissolti a cui nessuno crede più, come l’agenda digitale che aspetta ancora i decreti attuativi, come la strategia nazionale per l’Innovazione che non arriva, come il credito alle piccole imprese e il sostegno agli investimenti digitali inesistente“.

Come già annunciato qualche giorno fa da Assinform, infatti, l’Information Technology italiana è nel pieno della recessione: 4 miliardi persi dal 2008 ad oggi e un calo del -4% rispetto al già negativo 2012. Tutti e tre i segmenti sono in ribasso: Hardware -9,5%, Software -3,2%, Servizi IT -4,3%. E lo stesso vale per tutti i mercati vertical: PA e Sanità oltre il -11%, Commercio, Distribuzione e Servizi a – 5,4%, Industria – 4,7%, Trasporti e Logistica – 4,8%, Telecomunicazioni -2%, le stesse Banche (il maggior spender IT) – 2,1%. Unica piccola luce il Consumer, con un modesto ma incoraggiante +1%.
Il PIL digitale è però cresciuto raggiungendo il 3,1% circa dell’intero PIL nazionale, mentre l’e-commerce cresce del +18% e il Mobile Commerce del +160%. Ma se ci confrontiamo con il resto d’Europa, questi valori sono sempre sotto la media.  

Tra i trend che hanno caratterizzato quest’anno e che avranno un ruolo fondamentale nei prossimi anni ritroviamo il Mobile Internet, i Social media, i Big Data, l’Internet of Things, il Cloud Computing, Automazione della conoscenza, la Robotica, il 3D Printing, il Digital Marketing e l’E-commerce. Attenzione particolare deve essere prestata ai Big Data e alla business analytics, la cui adozione comporterà necessariamente la costituzione di una nuova cultura aziendale che permetterà di sfruttare queste informazioni in tempo reale. Ancora oggi però, le imprese “prendono i dati strutturati, li portano in azienda e solo successivamente si chiedono quale sarà la loro funzione, proprio come Clint Eastwood che, in un suo celebre film, sparava ai nemici per poi chiedergli solo dopo chi fossero” ha aggiunto poi Alfredo Gatti, Managing Partner NEXTVALUE.
La stampa 3D sarà invece responsabile della terza rivoluzione industriale poiché consentirà a chiunque di produrre “in casa” abbattendo così le barriere tra paesi ricchi e paesi poveri.

Ciò che emerge inoltre dal report è la forte trasformazione diffusa che coinvolge tutto, ogni aspetto della vita di ogni persona dal lavoro alla vita sociale. A sorprendere è soprattutto la velocità di questo cambiamento: non si riesce neppure ad abituarsi ad una nuova tecnologia che essa diventa già obsoleta e, come ha ribadito Alfredo Gatti “non ti accorgi di una cosa che già la fai”. 

Che cosa vogliamo fare? chiede alla fine Rapari – Questa a caratteri cubitali è la domanda che più ci preme, a noi aziende che facciamo innovazione ma anche a noi cittadini che assistiamo al depauperamento del sistema economico. Non siamo più nel tempo del dire ma in quello del fare, semplicemente perché non c’è più tempo“.

Articolo precedenteDirecteur Business Unit
Prossimo articoloSr. Human Resources Manager
  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Infrastrutture di stampa datate ostacolano la Digital Transformation

    Infrastrutture di stampa datate ostacolano la Digital Transformation

    I progetti legati alla digital transformation trascurano spesso di migrare nel cloud l'infrastruttura di stampa
    Arriva il 23 settembre l'hackathon BTicino per la smart home

    Arriva il 23 settembre l’hackathon BTicino per la smart home

    L'evento mette in palio 1.000 euro in buoni Amazon ed è rivolto a studenti e giovani talenti informatici
    Workplace Hub Pro

    Konica Minolta lancia Workplace Hub Pro: ultima versione della piattaforma all-in-one per la gestione...

    Le aziende possono così avere un’infrastruttura IT completa con assistenza inclusa, pagando semplicemente un canone mensile
    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Human augmentation: gli italiani i più entusiasti

    Molti credono che sia riservata ai ricchi e temono che il corpo possa diventare bersaglio dei criminali informatici
    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Canali di vendita: necessario un cambiamento del mix

    Con le nuove abitudini dei consumatori è necessario che i canali online coprano le perdite di quelli tradizionali