Home News Data Center obsoleti

Data Center obsoleti

-

Tempo di lettura: 3 minuti

[section_title title=Data Center obsoleti]

Sono ancora troppe le aziende che fanno affidamento su infrastrutture di data center obsolete, con un impatto significativo sulla produttività e sull’esperienza utente. Nonostante tre quarti di esse abbiano aggiornato il proprio ambiente IT negli ultimi tre anni, il 91% dei decision maker afferma che la propria infrastruttura informatica abbia bisogno ancora di upgrade sostanziali per rispondere alle specifiche esigenze di networking, in continua evoluzione in base alle necessità imposte da fenomeni quali virtualizzazione e cloud computing. Ma non solo: un terzo degli intervistati ammette che la propria azienda subisce settimanalmente numerosi guasti di rete.
Questo è quanto emerso da una ricerca commissionata da Brocade e realizzata a metà 2013 da Vanson Bourne coinvolgendo 1.750 decision maker IT.
Analizzando i dati più nel dettaglio si osserva che il 61% degli intervistati dichiara che le reti aziendali non sono adatte per gli obiettivi previsti e circa la metà ammette come il downtime di rete abbia avuto risvolti negativi sul business, derivanti da guadagni persi o da SLA non mantenuti, oltre che dalla perdita di fiducia da parte dei clienti.
Dato che l’operatività di business, la pianificazione e la competitività fanno sempre più affidamento sulle infrastrutture IT aziendali, l’esigenza di una rete di data center resiliente, agile e ad alte prestazioni, non è mai stata così fondamentale e non farà altro che accrescere la propria rilevanza.

Molti data center di oggi sono basati su tecnologie di venti anni fa e semplicemente non sono più in grado di rispondere alle esigenze attuali,” spiega Jason Nolet, Vice President Data Center Switching and Routing di Brocade. “La virtualizzazione e il cloud richiedono maggiori livelli di agilità e performance di rete, oltre che una riduzione dei costi operativi e della complessità.

Fortunatamente però, la maggioranza delle imprese all’avanguardia sta facendo passi in avanti per realizzare ambienti di rete sempre più scalabili, con il 18% che utilizza già reti basate su Fabric Ethernet e il 51% che sta pianificando di implementarlo nel prossimo anno per supportare piani di virtualizzazione. Inoltre, molte organizzazioni stanno guardando alle reti di tipo Software Defined (SDN) entro il 2015 per incrementare la produttività, fornire un accesso migliore alle informazioni in tempo reale e aumentare la disponibilità e la garanzia di servizio.

  • Newsletter

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti dai portali di BitMAT Edizioni.

  • I più letti

    Fintech digital-first: il futuro del settore finanziario

    Fintech digital-first: il futuro del settore finanziario

    In questo periodo di emergenza il settore si è dimostrato all’altezza, rivoluzionando collaborazione tra dipendenti e modalità di lavoro
    GoSign Grapho: firme grafometriche raccolte via tabletm infocert

    InfoCert acquisisce il 16,7% della tedesca Authada

    InfoCert firma un accordo strategico per acquisire il 16,7% di Authada, identity provider tedesco all'avanguardia
    Kaspersky presenta Digital Footprint Intelligence

    Monitoraggio della CPU: 4 situazioni in cui può fare la differenza

    Stanare i virus, evitare rallentamenti, trovare soluzioni rapide ed evitare il surriscaldamento
    Digital divide: sempre connessi con Uania

    Digital divide: sempre connessi con Uania

    La startup pugliese trasforma connessioni lente e instabili in banda ultralarga
    siportal_logo_-_payoff-01_37836

    Nasce la rete in fibra ottica di Siportal

    Il progetto, che si avvale delle partnership strategiche di Huawei e del Gruppo Retelit, punta a supportare la trasformazione digitale delle aziende in Sicilia e Sardegna.