Nonostante la crisi, o forse proprio grazie ad essa, gli acquisti in rete con l’e-commerce stanno prendendo sempre più piede anche nel nostro Paese.

ecommerce

Tra carte di credito e carte prepagate, anche gli Italiani sembrano finalmente apprezzare i vantaggi della moneta elettronica. Rispetto ai contanti, infatti, sono infinitamente più sicure, dal momento che in caso di furto potrebbero facilmente venire bloccate, impedendo così ai malintenzionati di accedere al nostro conto corrente bancario o di intaccare il credito presente sulla nostra carta ricaricabile. Grazie alla straordinaria varietà di offerte, poi, trovare la carta su misura in base alle nostre esigenze non sarà difficile. Tutto ciò che dobbiamo fare è confrontare i vari prodotti presenti sul mercato, valutandone per ciascuno costi e condizioni. Solo dopo esserci premurati di mettere i prodotti Postepay a confronto con quelli Visa, Mastercard,ecc., saremo infatti in grado di trovare la carta migliore per noi, prepagata o di credito che sia.

Dotandoci di una di queste tesserine plastificate potremo anche effettuare acquisti online tramite uno dei numerosi siti di e-commerce nati negli ultimi anni. Se però questo è lo scopo principale per cui si acquista una carta, la scelta migliore è probabilmente quella prepagata. Quando si tratta di acquisti online, quest’ultima è forse più sicura rispetto alle normali carte di credito, dal momento che non è direttamente collegata ad un conto bancario e permette dunque di difendersi meglio dal rischio di phishing.

Seppur con un certo ritardo rispetto al resto dell’Europa, anche in Italia stiamo assistendo ad un aumento della fiducia e dell’utilizzo dell’e-commerce, ovvero di quelle modalità per fare acquisti in rete da vari siti e store di diverse tipologie di prodotto. Sarà per la comodità dei pagamenti, , sarà per la praticità di ricevere la merce direttamente a casa, o forse per i prezzi molte volte più bassi che nei negozi, ma il commercio elettronico è davvero in una fase di grande espansione.

L’auspicio è che questo nuovo fenomeno cambi l’idea che gli italiani hanno della moneta elettronica. La possibilità di acquistare online, infatti, è uno dei principali motivi per cui nel nostro Paese si è portati a richiedere una carta di credito. La conferma del successo che sta riscuotendo questa tipologia di mercato in Italia viene direttamente dal Netcomm eCommerce Forum, che nel 2013 si è svolto per l’ottava edizione.

Secondo gli analisti, infatti, l’ammontare dei fatturati delle vendite on line toccherà quest’anno quota 11 miliardi con un incremento rispetto al 2012 di ben il 17%, per un totale di ben 13,6 milioni di acquirenti, oltre il 50% in più sullo scorso anno. Numeri incoraggianti se si pensa che l’obiettivo ideale sarebbe colmare il gap con i nostri vicini europei.

Come detto sopra, infatti, l’Italia è in considerevole ritardo rispetto a Paesi come la Francia, la Germania e la Gran Bretagna, che fanno segnare volumi di affari nell’e-commerce compresi tra i 45 ed i 96 miliardi di euro. Non a caso il nostro Paese è anche tra quelli dove carta di credito e bancomat sono meno usati per gli acquisti on line e di più per il prelievo di contanti.

Bisogna comunque essere positivi perché i numeri del commercio elettronico italiano sono in continua crescita e l’atteggiamento degli italiani sta sensibilmente mutando rispetto al passato, quando la diffidenza la faceva da padrona.