La Top Ten delle iniziative italiane di successo

successo_app_italiane

di Redazione BitMat

Il mondo diventa mobile e le applicazioni riscuotono sempre più successo. Anche l'Italia vanta casi di eccellenza

Nuove logiche di lavoro e di svago. La rivoluzione mobile vanta una ormai innumerevole schiera di fedeli che ogni giorno di connettono da device mobile e utilizzano le applicazioni. Un mercato, quello delle App, in constante ascesa, che promette veri guadagni. La conferma arriva diretta da Gartner, che ha infatti stimato il valore di questo settore in ben 25 miliardi di dollari, solo nel corso del 2013. A contendersi la piazza ,App Store, Google Play, Windows Phone Store e BlackBerry World, che confermano un incremento del fatturato annuo pari al 62%. Anche l’Italia abbraccia l’evoluzione e vanta ad oggi dieci casi di vero successo. Ecco, quindi, la lista delle storie italiane made in Italy più di successo:

 

AppsBuilder Un vero laboratorio per la costruzione di applicazioni software: AppsBuilder consente infatti agli utenti di adoperare una procedura fai-da-te per costruire applicazioni. E’stata lanciata da due studenti di ingegneria informatica del Politecnico di Torino, Daniele Pelleri e Luigi Giglio. Ha conquistato pubblico grazie alla capacità di semplificare i processi anche per i principianti E’ possibile utilizzarla anche tramite smartphone o tablet. Recente il suo lancio anche su BlackBerry World.

 

Atooma È un’applicazione software per i dispositivi mobili con sistema operativo Android: abilita l’accesso a un tavolo di lavoro per assemblare scorciatoie con la logica “se…allora”. Ad esempio, un utente può programmare un’azione semplice come “se ricevo un tweet da un determinato utente, allora sia inviato un messaggio email”. Cnsentite costruzioni più complesse, integrate con i principali social media. È gestita da un team di quattro persone: Fabrizio Cialdea, Andrea Meriggioli, Gioia Pistola e Francesca Romano.

 

Aroundme Una sorta di bussola sul territorio progettata per sistema operativo iOs da Marco Piferi: attraverso una mappa digitale gli utenti scoprono punti di interesse nelle vicinanze, come ristoranti o stazioni di rifornimento.

 

Cinetrailer Ha raggiunto ben 2 milioni di download: è una guida per orientarsi nella programmazione al cinema e abilita la visione dei trailer sui dispositivi mobili. Tutti i filmati possono essere condivisi con i gruppi di amici mediante i social network. E’ stata lanciata dalla società Ddm, diretta da Marco Dufour e Camillo Morganti.

 

Lyrics Riconosce i brani musicali dai primi secondi e trova i testi delle canzoni. Vanta oggi 10 milioni di utenti e dichiara aperta la sfida a Shazam. È disponibile perAndroid (con il nome di MusiXmatch Lyrics Music Player), iOs (MusiXmatch Lyrics Music Player), Spotify (MusiXmatch) e Windows 8 (Lyrics).

 

Fubles L’applicazione software interagisce con le piattaforme social e permette di organizzare partite a calcio tra amici. Vanta una schiera di fedeli pari a 200 mila utenti.

 

Glancee, un’applicazione per la social discovery: consente di trovare nelle vicinanze persone che con, potenzialmente, interessi comuni. A lanciarla sono stati due laureati del Politecnico di Milano, Andrea Vaccari e Alberto Tretti, con l’aiuto di uno sviluppatore software canadese, Gabriel Grise. È stata addirittura acquisita da Facebook.

 

Indoona. Un social network per conversazioni in cui gli utenti possono anche condividere videopodcast, Indoona unisce social media e livestreaming. Arriva dal laboratorio di ricerca e sviluppo di Tiscali.

 

Soundtracker. Si tratta di una webradio disegnata per l’uso da dispositivi mobili. Ha accesso a un archivio di 20 milioni di brani riproducibili in livestreaming. Permette anche di consultarne i testi. È in grado di esaminare le playlist condivise da altri iscritti nelle vicinanze attraverso un’opzione radar.

 

Spreaker, un’applicazione software per dispositivi mobili che permette agli utenti di registrare e condividere programmi radiofonici in live podcast. Ha conquistato attenzione grazie al pubblico dei social network e dei blogger che commenta nelle discussioni sui social media. A fondarla sono stati i connazionali Marco Pracucci, Francesco Baschieri e Daniele Cremonini.

© Riproduzione Riservata

I commenti per questo articolo non sono disponibili

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati