Ferrari: l’intelligenza artificiale a servizio delle gare automobilistiche

672

Ferrari Challenge North America Series adotta le tecnologie Intel

Nel suo discorso di apertura all’International Consumer Electronic Show (CES) 2018 di Las Vegas, il CEO di Intel Brian Krzanich ha annunciato una partnership della durata di tre anni con Ferrari North America che porterà la potenza dell’intelligenza artificiale nella Ferrari Challenge North America Series, una delle tre serie di campionati che si svolgono in diversi continenti. Dall’inizio di quest’anno, le riprese e le trasmissioni delle corse automobilistiche useranno le tecnologie di intelligenza artificiale Intel, che includono la piattaforma scalabile Intel® Xeon® e neonTM Framework, per migliorare l’esperienza degli spettatori e dimostrare le potenzialità dell’intelligenza artificiale per trasformare il futuro degli sport automobilistici.

Il CES è la prima occasione in cui Intel presenta queste tecnologie, e la prima volta in cui la potenza dell’intelligenza artificiale è stata applicata per migliorare le prestazioni e la visualizzazione delle gare. Questa è solo una delle tante innovazioni entusiasmanti guidate dall’utilizzo dei dati annunciate dall’azienda al Consumer Electronics Show. Una dimostrazione presso lo stand Intel nella Central Hall South del Las Vegas Convention Center ha fatto vedere la capacità dell’intelligenza artificiale di riconoscere le azioni o di rilevare automaticamente oggetti tramite l’identificazione di un’auto mentre ne sorpassa un’altra in pista.

L’intelligenza artificiale consente di ottenere informazioni più significative

Grazie alle tecnologie di intelligenza artificiale, le informazioni più approfondite estratte dai dati sono in grado di migliorare l’esperienza di gara aumentando le performance dei piloti e ottimizzando l’esperienza di visione per i tifosi. L’intelligenza artificiale, abbinata alle riprese aeree acquisite tramite videocamere installate sui droni, consentiranno alle emittenti televisive di analizzare le gare in tempo reale e fornire informazioni più approfondite, accrescendo il coinvolgimento dei tifosi mentre guardano le riprese della Ferrari Challenge North America.

I prodotti per l’intelligenza artificiale di Intel, tra cui la tecnologia scalabile Intel Xeon, eseguono operazioni di inferenza sul video catturato dai droni per applicare modelli di identificazione degli oggetti e taggare i filmati, consentendo ai piloti di “vedere” le loro performance in prospettiva aerea. Allo stesso tempo, gli algoritmi generano informazioni complesse sui piloti che contribuiscono a descrivere una gara in modo più coinvolgente. La tecnologia dell’apprendimento automatico sarà usata inoltre per fornire informazioni di guida, utilizzabili dai piloti per apportare le modifiche necessarie a migliorare i risultati di guida complessivi.

Con il passare del tempo, questi modelli saranno usati per inglobare dati telemetrici come l’angolo di sterzata, la pressione sull’acceleratore e sui freni e, soprattutto, a comprendere lo stile di guida di un pilota e a prevederne le performance in pista.

I vantaggi dell’intelligenza artificiale per le auto da corsa comprendono:

  • Analisi in tempo reale dei dati delle performance dei piloti: fino ad oggi, i dati telemetrici sono stati analizzati dopo la gara. Un’analisi in tempo reale è quasi impossibile da svolgere per un essere umano, al di fuori di uno o due vettori. L’intelligenza artificiale è in grado invece di analizzare i flussi dati in maniera continua per individuare informazioni inattese che il pilota può usare per migliorare il tempo del giro.
  • Punti di vista migliorati: l’intelligenza artificiale rende possibile creare dei confronti tra piloti o giri diversi in base ai dati di rilevazione degli oggetti estratti dal flusso video. Ad esempio, l’intelligenza artificiale può confrontare gli angoli di ingresso e di uscita dalle curve intrapresi da un pilota, giro dopo giro, oppure mettere a confronto diversi piloti e capire quali sono state le curve più veloci.
  • Analisi dei dati ottimizzata dall’intelligenza artificiale: gli analisti sono abitudinari e controllano sempre lo stesso set di parametri, con limiti di tempo. L’intelligenza artificiale riesce invece a riconoscere e identificare automaticamente anche le più lievi variazioni che possono passare inosservate all’analisi umana.

Oltre alla partnership con Ferrari North America, Intel ha annunciato molte novità  che dimostrano come l’azienda stia sfruttando i dati per guidare l’innovazione. Tra queste, sono stati presentati nuovi dettagli decisivi sulla piattaforma per veicoli autonomi di Intel, oltre a nuovi progressi nel campo della realtà virtuale e altre forme di contenuti multimediali immersivi.