Lenovo: 10 miliardi di dollari di ricavi nel primo trimestre 2017

974

L’azienda registra un aumento del +4,5% rispetto al quarto trimestre

Grazie alla forza della sua strategia “a tre ondate” (3-wave strategy), la trasformazione aziendale di Lenovo ha compiuto grandi passi avanti nel primo trimestre fiscale (chiuso il 30 giugno), garantendo alla società una solida redditività nel proprio core business, quello dei “PC e smart devices”, e migliorando ricavi e profitto nelle aree di crescita mirata, tra cui il data center e il mobile. Alimentato da nuovi investimenti in persone e prodotti, il Data Center Group (DCG) di Lenovo ha introdotto la più completa linea di prodotti della sua storia, con il nuovo portafoglio di soluzioni ThinkSystem e ThinkAgile, e ha continuato a sviluppare l’organizzazione di vendita end-to-end. Allo stesso modo, il Mobile Business Group di Lenovo ha lanciato nuovi prodotti di rilievo nella linea Motorola e ha ampliato i propri sforzi di branding in tutto il mondo.

Nel primo trimestre di quest’anno fiscale abbiamo avuto una perfomance stabile e abbiamo eseguito la nostra strategia a tre ondate con impegno. Abbiamo mantenuto la nostra redditività leader di settore nei PC, costruito basi solide nel mobile e nel data center, e investito ulteriormente nei campi del ‘Device + Cloud’ e ‘Infrastruttura + Cloud’ – alimentati dalla Intelligenza Artificiale (AI)” ha dichiarato Yang Yuanqing, Presidente e CEO di Lenovo. “Abbiamo fatto ottimi progressi su ogni fronte della nostra strategia. In particolare, MBG ha continuato a migliorare e sta arrivando al break-even nella seconda metà di quest’anno fiscale. Anche il business di DCG ha avuto un buon slancio. Mentre i due nuovi motori di crescita guadagnano velocità, riteniamo che seguiranno presto risultati sostenibili.

Per il primo trimestre fiscale, concluso il 30 giugno 2017, il fatturato trimestrale di Lenovo è stato di 10 miliardi di dollari, stabile anno su anno ma con un aumento del quarto trimestre del +4,5%.  La perdita prima delle imposte del primo trimestre è stata di 69 milioni di dollari, con una perdita netta di 72 milioni di dollari. Il risultato operativo è salito di 110 milioni di dollari da trimestre a trimestre. Il profitto lordo della società per il primo trimestre è diminuito del -11% rispetto all’anno precedente a 1,4 miliardi di dollari, ma è rimasto stabile rispetto al quarto trimestre, con un margine lordo del 13,6%. La perdita di base per azione per il trimestre è stata di 0,66 centesimi di dollaro.

Lenovo ha introdotto la sua strategia a tre ondate, ossia quella di crescere nel settore PCSD in modo equilibrato sui profitti, accelerare nelle aree dei motori di crescita DCG e MBG e investire in aree non-hardware per far fronte alle odierne dinamiche di mercato e così facendo posizionare la società al meglio per una crescita proficua a lungo termine. Lenovo investe infatti in tecnologie di base e piattaforme di nuova generazione che aiuteranno i clienti a muoversi verso un’era di “smart Internet” in cui tutti i dispositivi intelligenti – smart devices –  saranno collegati al cloud e alimentati da Intelligenza Artificiale (AI).

Mentre Lenovo è focalizzata sulle nuove tecnologie con la strategia “Device + Cloud”, Lenovo Capital and Investment Group (LCIG), la divisione che fornisce soluzioni IoT, ha raggiunto nel primo trimestre oltre 3 milioni di utenti sulla sua piattaforma API globale. Inoltre Lenovo continua a espandere il suo ecosistema, e nel primo trimestre con il suo LenovoID (identificazione univoca di utenti direttamente raggiungibili su tutti i dispositivi Lenovo) ha raggiunto 225 milioni di utenti.

Lenovo sta dunque realizzando progressi significativi e acquisendo nuovi clienti nelle sue attività non hardware, come software, servizi e Big Data. Al suo terzo evento annuale Tech World, tenutosi lo scorso mese a Shanghai, Lenovo ha dato dimostrazione di diversi nuovi prototipi consumer e professionali come la tecnologia indossabile SmartVest e gli occhiali daystAR per aiutare la manutenzione industriale. Lenovo ha inoltre annunciato un investimento di 1,2 miliardi di dollari per la ricerca e lo sviluppo dell’AI e sta perseguendo la ricerca di soluzioni intelligenti e partnership nel settore manifatturiero, sanitario e dei trasporti.