Poseidon: il gruppo specializzato nel cyber spionaggio globale

17

Si tratta di vera e propria un’entità commerciale, i cui attacchi sfruttano malware personalizzati firmati digitalmente con certificati falsi

La prima campagna di cyber spionaggio in lingua portoghese-brasiliana resa pubblica prende di mira le istituzioni finanziarie, oltre ad aziende di telecomunicazioni, manifatturiere, energetiche e i media. A Rivelarlo è Kaspersky che ha scoperto il gruppo APT attivo nello spionaggio informatico a livello mondiale almeno dal 2005. Il tratto distintivo di Poseidon è il fatto che si tratta di un’entità commerciale, i cui attacchi sfruttano malware personalizzati firmati digitalmente con certificati falsi usati per rubare informazioni sensibili dalle vittime allo scopo di obbligarle ad avviare una relazione d’affari. Inoltre, il malware è progettato per operare specificatamente su macchine Windows in lingua inglese o portoghese-brasiliana, per la prima volta coinvolte in un attacco mirato.

Sono state identificate almeno 35 aziende colpite, che costituiscono obiettivi primari come istituzioni finanziarie e governative, aziende di telecomunicazioni, manifatturiere, energetiche e altre società di servizi pubblici, oltre che media e aziende di relazioni pubbliche. Sono stati rilevati inoltre attacchi a società di servizi che curano il catering per i maggiori manager aziendali. Le vittime di questo gruppo sono state trovate nei seguenti Paesi:

  • Stati Uniti
  • Francia
  • Kazakistan
  • Emirati Arabi Uniti
  • India
  • Russia

Tuttavia, le vittime sono maggiormente concentrate in Brasile, dove molte di loro hanno joint venture o partner commerciali.

Una delle caratteristiche del gruppo Poseidon è l’esplorazione attiva delle reti aziendali basate su un dominio. Questi cybercriminali fanno uso di email di spear-phishing con file RTF/DOC, solitamente con un’esca per le risorse umane, che, una volta cliccati, scaricano un codice binario nocivo nel sistema preso di mira.

Una volta infettato il computer, il malware fa rapporto ai server di comando e controllo prima di iniziare una fase complessa di movimenti laterali. Questa fase sfrutta spesso un tool specializzato che raccoglie automaticamente e in modo aggressivo una vasta gamma di informazioni tra cui credenziali, policy di gestione dei gruppi e persino i registri di sistema per perfezionare al meglio ulteriori attacchi e garantire l’esecuzione del malware. Così facendo, i criminali scoprono quali applicazioni e comandi possono usare senza allertare l’amministratore di rete durante i movimenti laterali e la fuoriuscita dei dati.

Le informazioni ottenute vengono quindi sfruttate da un’impresa di copertura per convincere le aziende prese di mira ad assumere il gruppo Poseidon in qualità di consulente di sicurezza, dietro la minaccia di sfruttamento delle informazioni rubate con una serie di loschi affari a vantaggio di Poseidon.

“Il gruppo Poseidon è un team di lunga data che opera in ogni luogo: terra, aria e mare. Alcuni dei suoi centri di comando e controllo sono infatti stati trovati all’interno di ISP che forniscono servizi internet a barche in mare, connessioni wireless e carrier tradizionali”, ha commentato Dmitry Bestuzhev, Direttore del Global Research and Analysis Team di Kaspersky Lab per l’America Latina. “Inoltre, si è scoperto che molti dei suoi impianti hanno un ciclo di vita molto breve, il che ha aiutato il gruppo a operare così a lungo senza essere rilevato”.