Opere Sociali Don Bosco digitalizza la didattica

21

La sfida era rappresentata dalla necessità di supportare il complesso scolastico nella progressiva digitalizzazione delle attività, fornendo un servizio affidabile e scalabile a fronte di esigenze crescenti.

Le Opere Sociali Don Bosco di Sesto San Giovanni, il complesso educativo paritario gestito da Salesiani Sacerdoti e da Salesiani Laici che conta oltre 2.300 studenti, ha scelto Colt IP Access per usufruire di un servizio di connettività scalabile, affidabile e garantito, adatto a sostenere le crescenti richieste di banda da parte dei diversi indirizzi scolastici e supportare il progetto di digitalizzazione delle attività didattiche attraverso i tablet.

Le Opere Sociali Don Bosco hanno iniziato ad usufruire dei servizi di connettività di Colt nel 2009, spinti dall’esigenza di poter disporre di una banda affidabile per poter gestire ben 500 postazioni collegate, l’utilizzo di un servizio online a disposizione delle famiglie per il pagamento del servizio mensa  e la gestione interna del sito web e di tutta la componente di didattica digitale.

Tutte queste esigenze necessitavano una capacità di banda che, all’epoca, è stata definita in 10 Mb/s (Megabit al secondo) ma che successivamente, già a partire dal 2011, con l’avvio di un nuovo progetto denominato iCNOS, che prevedeva la sostituzione di tutti i libri di testo con un tablet è cresciuta fino a 100 Mb/s in modo rapido, veloce e senza alcun tipo di interruzione del servizio.

I riscontri dei ragazzi che sono stati coinvolti in questa nuova modalità di insegnamento e studio sono stati molto positivi così è stato decisa la sua estensione agli altri indirizzi scolastici: la Scuola media, l’Istituto Tecnico e i Licei.

Questo è il motivo per cui dal 2015 Colt ha ampliato la capacità di banda raggiungendo 1 Gigabit al secondo (1 Gb/s), offrendo anche in questo caso un servizio scalabile e dedicato in funzione della crescita delle esigenze e degli obiettivi dell’Opera, per cui nel giro di 3 anni l’intera scuola sarà digitale.

“Siamo naturalmente molto soddisfatti dei risultati positivi che abbiamo ottenuto con il nostro progetto di didattica digitale”, ha commentato Massimiliano Boracchi, IT manager di Opere Sociali Don Bosco. “Per ottenere esiti così brillanti, l’affidabilità della connessione è stata senz’altro fondamentale. Grazie al supporto di Colt ci siamo potuti concentrare su tutti gli altri aspetti della sperimentazione quasi dimenticandoci di tutto il comparto legato alla connettività, dato che era saldamente presidiato e garantito. In occasione del recente passaggio a 1 Gb/s”, ha continuato Massimiliano Boracchi, “Colt ha ulteriormente confermato il suo ruolo di consulente, indicandoci la possibilità di mantenere attiva la vecchia linea effettuando un downgrade e utilizzandola come backup, a ulteriore salvaguardia della possibilità di poter comunque proseguire con l’attività educativa anche nel caso di imprevisti”.