Frodi Finanziarie: attenzione ad Asacub che colpisce device Android

156

Il malware è passato dal furto di informazioni alla frode finanziaria causando serie preoccupazioni

Asacub è il nuovo malware che prende di mira gli utenti Android per ottenere guadagni finanziari. Al momento della sua scoperta, Asacub aveva l’aspetto di un malware creato per rubare informazioni, ma alcune versioni del Trojan stanno prendendo di mira gli utenti che utilizzano l’online banking in Russia, Ucraina e Stati Uniti.

Milioni di persone in tutto il mondo utilizzano i propri smartphone per pagare beni e servizi e il 2015 ha visto i cybercriminali sfruttare questa tendenza concentrando i propri sforzi nello sviluppo di programmi finanziari nocivi per i dispositivi mobile. Per la prima volta, un Trojan per il mobile banking è entrato nella Top 10 dei principali malware finanziari e il Trojan Asacub non è altro che un ulteriore esempio di questo trend preoccupante.

La prima versione del Trojan Asacub, scoperta a giugno 2015, era in grado di rubare le liste dei contatti, la cronologia del browser e l’elenco delle app installate, inviare messaggi a determinati numeri e persino bloccare lo schermo del dispositivo infettato. Si tratta delle classiche funzionalità di un tipico Trojan per il furto di informazioni.

Tuttavia, nell’autunno del 2015, gli esperti di Kaspersky Lab hanno scoperto numerose nuove versioni del Trojan Asacub che ne hanno confermato la trasformazione in un tool per il furto di denaro. Una nuova variante infatti includeva una pagina di phishing in grado di imitare le pagine per il log-in delle applicazioni bancarie. Inizialmente, sembrava che Asacub prendesse di mira solo gli utenti di lingua russa, in quanto le versioni contenevano pagine di log-in fasulle di banche russe e ucraine. Dopo ulteriori investigazioni, è stata scoperta una versione con pagine fasulle che imitavano quelle di una grande banca americana. Queste nuove varianti contenevano inoltre un nuovo set di funzioni che comprendeva la deviazione delle chiamate e l’invio di richieste USSD (un particolare servizio per comunicazioni interattive, senza chiamate o sms, tra l’utente e il fornitore del cellulare), che rendevano Asacub uno strumento molto potente per le frodi finanziarie.

Sebbene Kaspersky Lab fosse stato a conoscenza da diverso tempo di varie versioni del Trojan, i sistemi di rilevamento delle minacce dell’azienda non hanno riscontrato alcun segno di campagne Asacub attive fino alla fine del 2015, quando, in una sola settimana, Kaspersky Lab ha identificato più di 6.500 tentativi di infezione degli utenti, che hanno portato il malware a entrare nella Top 5 dei principali Trojan mobile della settimana e a diventare il più diffuso Trojan-Banker.