Car-sharing, self enabling e cognitive computing. Questo è il futuro dell’automobile

54

Secondo uno studio dell’IBM i consumatori non sono più interessati al possesso dell’auto, ma solo al suo utilizzo

Secondo i risultati di una ricerca IBM sui clienti del mercato automobilistico, i consumatori si aspettano di poter utilizzare le auto in modo diverso. Particolare è l’interesse per i veicoli self-enabling. Ciò rappresenta per i produttori un’opportunità per dotare di capacità analitiche e cognitive i nuovi veicoli.

Per lo sviluppo della seconda parte dello studio “Auto 2025”, IBM ha intervistato oltre 16.000 consumatori a livello globale per determinare come essi si aspettino di utilizzare i veicoli nei prossimi dieci anni. Lo studio “A New Relationship – People and Cars“, sviluppato dall’IBM Institute for Business Value (IBV), riferisce che i consumatori mostrano un forte interesse per i veicoli self-enabling: auto che si guidano da sole, “indipendenti”, che possono essere riparate senza l’intervento umano e che possiedono funzionalità di cognitive computing per imparare e assimilare i comportamenti del conducente, del veicolo stesso e dell’ambiente circostante.  

I veicoli di oggi si sono trasformati da semplici mezzi di trasporto, in mobile data center con sensori e computer di bordo che catturano grandi volumi di informazioni relative al veicolo e all’ambiente in cui si trova“, ha dichiarato Alexander Scheidt, Global Industry Automotive Leader IBM Global Business Services. “Le case automobilistiche di successo stanno riconoscendo l’importanza di sfruttare queste novità, offrendo quelle esperienze e servizi digitali che i consumatori desiderano“.

I consumatori chiedono altre opzioni al di là della proprietà intesa in modo tradizionale

L’auto personale continuerà ad essere una modalità primaria di trasporto, la sua comodità rimane molto allettante per i consumatori. Tuttavia si sta facendo spazio un nuovo modo “di possedere un veicolo”. Tra gli intervistati, il 42% sta considerando modalità alternative come l’acquisto di un abbonamento, mentre un altro 24% è molto interessato alla multiproprietà del veicolo.

Il 39% dei consumatori prenderebbe in considerazione il car-sharing e il 36% sceglierebbe l’opzione on-demand del car-sharing. Possibili soluzioni di car-sharing, di on-demand car-sharing e di noleggio peer-to-peer non solo darebbero ai consumatori la comodità di poter usare un’automobile senza possederla, ma anche ai proprietari di auto l’opportunità di ricevere un ritorno sull’investimento se la loro auto viene sottoutilizzata. Per compensare queste nuove modalità nell’uso dei veicoli, le case automobilistiche dovranno sviluppare nuovi modelli di proprietà in grado di soddisfare le aspettative dei consumatori e creare flussi di entrate alternativi.

Mentre a livello globale il 67% degli intervistati ha convenuto che è ancora importante poter acquistare un veicolo presso una concessionaria, i produttori (OEM) e i broker online sono al lavoro per consentire ai consumatori di prendere decisioni di acquisto più intelligenti. Il 46% dei consumatori ha detto che sarebbe molto interessato ad acquistare direttamente da un OEM e il 38% acquisterebbe online attraverso un broker, se ce ne fosse l’opportunità. Lo studio raccomanda alle case automobilistiche di lavorare per trasformare l’esperienza di acquisto e creare interazioni altamente personalizzate con i potenziali clienti attraverso l’uso degli analytics e della social media analysis.

I consumatori si aspettano di giocare un ruolo più ampio nella progettazione

Lo studio conclude che la prossima fase nel settore automobilistico vedrà un rapporto molto più interattivo tra le case automobilistiche e i clienti. Entrambi infatti hanno espresso una maggiore volontà di collaborazione fin dalle prime fasi della progettazione dei nuovi prodotti e servizi.

Gli intervistati hanno mostrato un forte interesse per il crowdsourcing e per la partecipazione a giochi e concorsi di progettazione. Circa il 37% ha indicato che sarebbe disposto a condividere i propri dati di guida e di mobilità per aiutare nella progettazione di nuovi veicoli. Grazie all’installazione di sensori e al cognitive computing, gli OEM saranno in grado di comprendere meglio i problemi dei consumatori, formulare raccomandazioni, e offrire aiuto senza che il conducente porti l’auto in assistenza.