Information security: le aziende italiane investono sempre di più

81

Investimenti in strumenti per la sicurezza delle informazioni, adozione di policy specifiche approvate dal top management e formazione del personale

Da una indagine internazionale realizzata da DNV GL – Business Assurance e dall’istituto di ricerca GFK Eurisko, condotta su più di 1.100 professionisti operanti in diversi settori in Europa, Americhe e Asia emerge che per gli italiani, la sicurezza delle informazioni è un aspetto centrale, non solo per la sfera personale (79%), ma anche per le dinamiche di business per (85%). Il 58% delle aziende interpellate adotta strategie di information security ad hoc. Tuttavia, anche in Italia come nel resto del mondo, misurare gli aspetti legati alla sicurezza delle informazioni è difficile e solo il 25% si pone obiettivi concreti in materia.

L’indagine mostra che il 62% delle aziende italiane ha investito in attività di information security negli ultimi 3 anni. In linea con quanto avviene nel resto del mondo, le iniziative più diffuse sono state l’investimento in strumenti per la sicurezza delle informazioni (45%), l’adozione di policy specifiche approvate dal top management (36%) e la formazione del personale (33%). Decisamente inferiore rispetto alla media globale, invece, il ricorso a specialisti (19%; -21%). Che cosa motiva le aziende italiane? La compliance normativa gioca un ruolo di spicco (53%). Seguono le policy interne (36%) e la volontà di proteggere gli asset aziendali (36%).

Interrogate su quali siano i principali impedimenti al progresso nella gestione della sicurezza delle informazioni, le aziende italiane hanno indicato le ristrettezze economiche tra le cause. In particolar modo, la necessità di destinare risorse ad altre priorità pesa in Italia più che all’estero (44%; +13%). L’implementazione e la manutenzione delle iniziative di information security viene indicata come troppo costosa da 1 intervistato su 4. Tuttavia, l’80% aumenterà o manterrà i propri investimenti in futuro. Nello specifico, il 42%, li incrementerà. Le risorse verranno destinate soprattutto alla formazione del personale (38%) e a equipaggiamenti/strumenti specifici (36%; +2%).