• BitMat
  • CBR
  • Linea EDP
  • ITIS
  • Top Trade

Heartbleed creerà danni per i prossimi 10 anni

heartbleed

di Redazione BitMat

I server ancora vulnerabili sono oltre 300 mila. Battuta d’arresto nell’adozione di patch correttive
, ,

Heartbleed continua a far danni. A dirlo è Errata Security, società di sicurezza che ha analizzato lo sviluppo del malware attraverso uno scan sulla porta 443 (solamente sugli indirizzi IPv4), individuando come 300 mila server siano ancora vulnerabili. Nonostante la notorietà dei pericoli provocati da questo bug, ciò che sorprende è la battuta d’arresto registrata per gli aggiornamenti: soltanto 9000 server (da 318,239 a 309,197) sono stati messi in sicurezza rispetto a maggio. Certamente un risultato poco soddisfacente.

In più, poiché l’analisi condotta da Errata Security ha riguardato solo la porta 443 degli indirizzi IPv4, è altamente probabile che il numero di sistemi vulnerabili sia ancor più alto. Il problema si trascinerà ancora per lungo tempo, secondo quanto dichiarato da Robert Graham di Errata Security: “Questo risultato indica che le persone hanno abbandonato anche il tentativo di applicare patch correttive. Dovremmo assistere ad una lenta diminuzione nel corso dei prossimi dieci anni, con i vecchi sistemi che vengono lentamente sostituiti. Anche fra dieci anni comunque ci aspettiamo di trovare migliaia di sistemi, compresi quelli critici, ancora vulnerabili“.

© Riproduzione Riservata

Lascia un Commento

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati