Gli allegati delle mail: aprirli in sicurezza

61

Ecco alcuni consigli per evitare brutte sorprese quando si scarica un allegato

Inserire allegati di qualsiasi genere alle mail è diventato un sistema rapido ed efficiente per condividere con amici o colleghi documenti, foto, ecc..
Ed è proprio per la popolarità e velocità di diffusione di documenti che questo sistema è anche adottato con fini malevoli per propagare virus attraverso la posta elettronica.
Dunque è importante adottare le dovute cautele quando riceviamo una mail con allegato.

Quali insidie può portare un allegato malevolo?

Come appena detto, proprio per la sua popolarità, gli allegati sono diventati un sistema di propagazione virus da parte di utenti malintenzionati.

Un messaggio di posta elettronica circola con estrema facilità. Proprio per la semplicità con cui si possono inviare o inoltrare le mail i virus si possono propagare attraverso questo mezzo.
Infatti molti virus si diffondono senza nemmeno attendere l’inoltro della mail stessa, ma semplicemente vanno alla ricerca di altre potenziali vittime cercando indirizzi di posta elettronica nel nostro computer, e quando li trovano si trasmettono automaticamente.
I malintenzionati sfruttano il fatto che molti utenti aprono gli allegati degli utenti conosciuti senza nemmeno badare ai potenziali rischi. Ed è proprio qui che scatta la trappola.
Infatti molti virus inviano automaticamente mail ai nostri contatti in rubrica mascherando il vero mittente sotto il nostro nome.

Grazie al fatto che nelle mail possono essere allegati qualsiasi genere di documenti, questi non necessariamente sono programmi eseguibili, ma possono essere celati all’interno di documenti word, o file immagine come jpeg e così via.

Quindi, quali sono le misure da adottare?

  • Installare un buon antivirus e tenerlo sempre aggiornato;
  • Mai aprire allegati provenienti da mittenti sconosciuti;
  • Invece quando il mittente è conosciuto? Buona regola sarebbe salvarlo su un dispositivo esterno e farne la scansione con il nostro antivirus prima di aprirlo;
  • Disabilitare il download automatico degli allegati dal nostro client di posta elettronica;
  • Impostare dei filtri su determinati tipi di allegati attraverso il nostro client di posta o addirittura a livello di firewall.

Alessio Arrigoni