Facebook in Comune vale il peculato

274

A Bertinoro sequestrati i pc di alcuni dipendenti che durante l’orario di lavoro frequentavano il social network. L’accusa è pesante

Non è la prima volta che l’uso del social network sul lavoro provoca dei problemi. Era infatti già accaduto in Francia che due dipendenti venissero licenziati perchè su Facebook avevano parlato male del loro capo e anche in Italia la discussione se vietare o meno il social network sui pc aziendali è sempre aperta.

Al Comune di Bertinoro, però, sono andati oltre e hanno deciso di usare le maniere pesanti. Agenti in borghese della squadra mobile di Forlì, accompagnati dai colleghi esperti di informatica, qualche giorno fa sono andati nel municipio di questo paese nei pressi di Cesena per per acquisire i pc di cinque dipendenti comunali, che sono stati accusati di peculato e abuso d’ufficio.

I dipendenti avrebbero utilizzato i pc dell’amministrazione pubblica per frequentare il sociale network. Per questo i loro pc saranno esaminati con lo scopo di verificare la loro attività durante l’orario di ufficio.

Il rischio è grosso visto che la pena oscilla fra i tre e i dieci anni di reclusione. Ai dipendenti si è arrivati tramite un’altra indagine sempre per peculato che coinvolgeva un altro dipendente del comune.