Velocità ADSL effettiva diversa da quella dichiarata dagli operatori

15018

Cresce lentamente la velocità di connessione ma aumentano le offerte promozionali

L’Italia è ancora troppo lenta. Secondo una nuova ricerca condotta da SosTariffe.it la velocità media effettiva delle linee ADSL nel nostro paese è di 5,1 Mbps con un aumento dell’8% negli ultimi tre anni. Ancora troppo poco per poter agganciare gli altri paesi europei.
Unico elemento positivo evidenziato dallo studio è però l’abbassamento delle tariffe che i consumatori devono pagare per usufruire della connettività a banda larga. Negli ultimi anni, infatti, gli operatori stanno combattendo una battaglia di prezzo per conquistare la fiducia degli utenti italiani a suon di offerte. Nel 2013 i risparmi ottenibili aderendo a nuove promozioni sono aumentati infatti del 78%.

Ma la velocità reale registrata dagli utenti e quella dichiarata dalle tariffe sottoscritte sono identiche? No. A fornire la risposta è ancora una volta SosTariffe.it. La società ha infatti evidenziato un gap di circa il 60%. In particolare, gli utenti che presentano un’offerta a 7 mega in realtà navigano a 4 Mbps mentre i sottoscrittori di un abbonamento da 20 Mega viaggiano a 7,1 Mbps con un aumento di 0,4Mbps rispetto a tre anni fa: una differenza che è tuttavia conseguenza della natura della tecnologia ADSL e che è in linea con altri Paesi europei.

A rassicurare i consumatori ci pensa Alberto Mazzetti, Amministratore Delegato di SosTariffe.it che dichiara: “Oltre ad un aumento della velocità effettiva di navigazione, stiamo assistendo ad una crescita costante delle città cablate in fibra ottica con una crescente competizione anche in questo settore. La fibra ottica, con la sua ampiezza di banda, contribuirà sicuramente a migliorare la qualità del servizio offerto e la velocità effettiva di navigazione in Italia. Il mio consiglio agli utenti per navigare al meglio è di informarsi sempre sulle tecnologie presenti nel proprio comune, che sono in costante evoluzione, come anche i prezzi, che sono addirittura scesi.”

Per visualizzare la velocità regione per regione cliccare QUI